Sicilia

cerca solo su News cerca su LaSicilia.com

   Home Page :: News :: Pasqua ad Enna - I Riti della Settimana Santa 2004 - Programma
 

[ leggi i commenti a questa news (1) | commenta questa news ]

PASQUA AD ENNA - I RITI DELLA SETTIMANA SANTA 2004 - PROGRAMMA

DOMENICA DELLE PALME
h. 9,00 - Processione della Confraternita dello Spirito Santo dalla chiesa di San Bartolomeo alla Chiesa di S. Leonardo. h. 10,00 – Processione, dal Santuario di Papardura alla Chiesa S. Sebastiano, per la rievocazione vivente della: “Entrata di Gesù a Gerusalemme”. Al termine benedizione delle Palme e Messa solenne presso la Chiesa S. Leonardo.
Nel pomeriggio della stessa giornata, al Duomo si celebra l’adorazione del SS. Sacramento, solennemente esposto, dando così il via ufficialmente ai Riti della Settimana Santa, i cui protagonisti principali sono i componenti delle quindici Confraternite che, puntualmente, ogni anno, con i loro vessilli, i lunghi lampioni, le divise e tanta spiritualità, seguendo un ordine preciso e orari prestabiliti, rendono possibile ai fedeli la partecipazione corale al più importante avvenimento sacro e religioso della città.
h. 16,00 - Collegio dei Rettori - Fondato nel 1714, è composto da tre rappresentanti di ogni Confraternita; i componenti sono 45 e vestono ognuno la mantellina della Confraternita di appartenenza.
h. 17,00 - Compagnia di Maria SS. del Rosario - Fondata intorno al 1687 e riconosciuta tale nel 1787. I confrati, che appartenevano al ceto nobiliare, si occupavano dell’assistenza spirituale dei condannati a morte e della loro sepoltura; oggi indossano, sul saio, una mantellina di colore bianco con bordo nero. La Compagnia ha sede presso la chiesa di San Giovanni Battista.
h. 18,00 - Compagnia della Passione - Fondata nel 1660, inizialmente composta da soli 33 confrati, a ricordare gli anni di Cristo, si occupava di dare aiuto ai non abbienti. Gode del privilegio di portare i “ Misteri” simbolo della Passione di Cristo. La mantellina dei confrati è di colore rosso scarlatto. Ha sede presso la chiesa di S. Leonardo.

h. 18,00 - Confraternita del SS. Crocifisso di Pergusa - La più giovane, costituitasi nel 1973, il cui vestiario che imita quello delle confradias spagnole, è di colore bianco con fascia centrale rossa, privo di mantellina ed ha un cappuccio a punta rigida.

h. 19,00 – Confraternita Collegio del SS. Salvatore - La più antica, fu istituita nel 1261 e riuniva gli agricoltori ed i contadini; dal 1672 porta a spalla l’urna del Cristo morto durante la processione del Venerdì Santo ed il simulacro del Risorto nel giorno di Pasqua. Il colore della mantellina è giallo intenso, con la croce di Malta in rosso, sul lato sinistro.


LUNEDI’ SANTO
h. 11,00 - Confraternita di Maria SS. della Visitazione - Costituita nel 1874 per rendere giuridicamente valida la congregazione degli Ignudi, contadini che dal 1412 avevano il privilegio di portare la “vara” della Patrona della città il 2 Luglio. E’ l’unica confraternita che, per la processione, non muove dalla propria sede, ma arriva al Duomo dall’eremo di Montesalvo. I confrati vestono una mantellina di colore azzurro.
h. 16,00 - Confraternita di Maria SS. delle Grazie - Nasce dalla fusione di tre congregazioni, quella di San Nicola di Bari, di Santa Monica degli Agostiniani e di Maria SS. della Cintura. Ha sede nella chiesa di S. Agostino e la mantellina dei confrati è di un pallido colore rosa.
h. 17,00 - Compagnia del SS. Sacramento - Nata nel 1687 come compagnia dei Bianchi, ricostituita nel 1935, ha il compito di divulgare la devozione all’Eucarestia, il cui simbolo è riprodotto sul lato sinistro della mantellina dei confrati, che è di colore latte con bordura rossa. Ha sede nella chiesa di San Tommaso.
h. 18,00 - Confraternita di Maria SS. La Donna Nuova - Fondata nel 153 1, originariamente costituita da mugnai e da cernitori di farina che assistevano amorevolmente gli ammalati di un lazzaretto. I confrati indossano una mantellina di colore celeste. Ha sede presso l’omonima chiesa.
MARTEDI’ SANTO

h. 16,00 - Confraternita dello Spirito Santo - Costituita nel 1800 dagli agricoltori e dai massari del quartiere Fundrisi, non ha mai svolto alcun ruolo nella vita civile, proprio perché nacque dal rinnovato spirito religioso, dopo la crisi delle confraternite avvenuta intorno alla fine del 1700. I confrati indossano una mantellina di colore amaranto con l’effigie della colomba, simbolo dello Spirito Santo. Muove dalla chiesa di San Bartolomeo.
h. 17,00 - Arciconfraternita delle Anime Sante del Purgatorio - Fondata nel 1615, inizialmente accoglieva solo medici, speziali e il ceto nobiliare. Nota anche con il nome della Buona Morte perché assisteva i condannati alla pena capitale. I Confrati, indossano una mantellina nera e muovono dalla chiesa delle Anime Sante.
h. 18,00 - Collegio di San Giuseppe - Fondato nel 1580, fu ricostituito nel 1933 riunendo diverse Confraternite. Si occupa di portare, durante la processione della Domenica di Pasqua, il fercolo della Madonna velata di nero che va ad incontrare il Figlio. Ha sede presso il Santuario di San Giuseppe ed i confrati portano una mantellina damascata di colore verde oliva.

MERCOLEDI’ SANTO

h. 9,30 – Confraternita di Maria SS. di Valverde - Fu costituita nel 1799 come evoluzione dell’antica società segreta dei Cavalieri della Torre. La tradizione tramanda che nella zona di Valverde nacque la prima comunità cristiana e che ebbe lì inizio il culto della Madonna di Valverde, prima patrona della città, in opposizione al culto pagano della dea Cerere. I confrati vestono una mantellina di colore verde intenso e muovono dal Santuario di Valverde.
h. 10,30 - Confraternita del Sacro Cuore di Gesù - Fu fondata nel 1839 dai minatori e dagli zolfatai che, assieme agli agricoltori, costituivano l’asse portante dell’economia ennese. La mantellina dei confrati è di un tessuto damascato di colore rosso. La sede è la chiesa di Santa Maria del Popolo.
h. 11,30 - Confraternita di Maria SS. Addolorata – Costituita nel 1875 dagli artigiani, muratori e bottegai del vicino mercato Sant’Antonio, che, prima ancora di costituirsi in confraternita, portavano il fercolo della Madonna dei sette dolori durante la processione del Venerdì Santo. La mantellina dei numerosi confrati è di colore viola. Ha sede presso l’omonima chiesa.
h. 12,30 - Compagnia di Maria SS. Immacolata - La data della sua fondazione risale al 1754, quando si fondono la confraternita “delli Cordigeri” del 1400 ed il Collegio di Sant’Orsola del 1613. E’ l’ultima delle cosiddette “ure” che si recano al Duomo per l’adorazione eucaristica. La mantellina dei confrati è di colore bianco latte con bordi celesti.
h. 13,00 - Celebrazione solenne della Santa Messa - A conclusione delle Quarantore si effettua una processione nei dintorni del Duomo e viene impartita, presso il portale di San Martino, la benedizione ai fedeli.

GIOVEDI’ SANTO

h. 19,00 - Adorazione dei Sepolcri e Lavanda dei piedi - Il Giovedì Santo, per antica tradizione, negli altari delle chiese sedi di Confraternite, vengono collocati artistici tabernacoli e urne con l’Eucarestia. Interessante da vedere è il pellegrinaggio dei fedeli ai “Sepolcri” perché consuetudine vuole che ne siano visitati almeno tre. In varie chiese parrocchiali viene effettuata la lavanda dei piedi. Il parroco rievoca con dodici ragazzi l’episodio del Vangelo in cui Gesù lavò i piedi agli Apostoli.

VENERDI’ SANTO

h. 15,00 - Al Duomo: Scoprimento e adorazione della S. Croce e Comunione.
h. 16,30 - Partenza dalla Chiesa di S. Leonardo della Confraternita SS. Passione con l’inserimento, durante il tragitto verso il Duomo, di tutte le altre Confraternite. Le stesse attraverseranno la Chiesa dell’Addolorata per rendere omaggio alla Madonna che, per ultima, sarà portata al Duomo dove è già stata deposta in precedenza l’Urna del Cristo Morto.
h. 19,00 - dal Duomo solenne processione delle Confraternite con la Spina Santa ed i simulacri del Cristo Morto e dell’Addolorata che si snoderà per le vie principali della Città recandosi al cimitero dove verrà impartita a tutti i fedeli la Solenne Benedizione con la Spina Santa. La processione riprenderà per concludersi al Duomo.

PASQUA DI RESURREZIONE

h. 10,00 - Nella Chiesa del SS. Salvatore “FESTA DELLA RESURREZIONE DI CRISTO”.
h. 18,00 – Dalla Chiesa del SS. Salvatore e dalla Chiesa di S. Giuseppe partenza dei fercoli del Cristo Risorto e della Madonna che provenendo da percorsi diversi ed opposti daranno vita alla tradizionale “Paci” che avrà luogo in Piazza Mazzini. La processione si concluderà in Piazza Duomo con l’entrata di entrambi i fercoli nella Chiesa Madre.

DOMENICA IN ALBIS

h. 18,00 - Il clero, le Confraternite dello Spirito Santo, del SS. Salvatore e di San Giuseppe, si recano nei pressi del Castello di Lombardia da dove viene impartita la benedizione dei campi. Quindi, raggiunta la Piazza del Duomo, avviene la “Spartenza” tra i simulacri del Cristo risorto e della Vergine con la presenza dello Spirito Santo, che ritornano nelle chiese di appartenenza. La “Paci” e la “Spartenza” derivano, secondo la leggenda, da un fatto risalente al XV secolo quando a seguito della ribellione di alcuni nobili contro il Re Martino I, ed essendo stati sconfitti i ribelli, furono confiscati loro i territori di Fundrò, Gatta e Rossomanno. Gli abitanti di quelle terre furono costretti a trasferirsi in alcuni quartieri di Castrogiovanni (oggi Enna) e i cittadini residenti, per molto tempo, mantennero un certo distacco dai “nuovi”. Si pose quasi un confine in città che nessuno poteva superare. Solo nel giorno di Pasqua gli abitanti potevano riunirsi e fare la pace (a Paci). La tregua durava una settimana, dopodiché ognuno tornava nel suo quartiere per la restante parte dell’anno (a Spartenza).



MANIFESTAZIONI COLLATERALI

Galleria Civica di Palazzo Chiaramonte:

Esposizione di:

- manichini con i tradizionali costumi dei Confrati;

- gigantografie delle Chiese;

- fotografie sugli eventi della Settimana Santa;

- reperti e oggetti sacri delle Confraternite e delle Chiese;

- scultura in carta pesta raffigurante il Cristo Risorto;

- service audio-visivo per la trasmissione di materiale filmato e documentale.

Estemporanea di pittura da effettuarsi dalla Domenica delle Palme a Mercoledì Santo.

Pergusa: Mercoledì Santo 7 aprile alle ore 20,00 rappresentazione vivente della Passione e Morte di nostro Signore Gesù Cristo in luoghi ambientati alla simulazione storica dell’evento con personaggi, costumi, audio e apparati.

Tours turistici: Servizi con pullman e guide turistiche per la visita guidata delle mostre, dei musei e delle chiese, da Domenica delle Palme a Domenica di Pasqua.

Concerti:

- concerto delle marce funebri a cura del Corpo bandistico Città di Enna – domenica 14 marzo presso la Chiesa Madre alle ore 20,30;

- concerto di musica corale- domenica 28 marzo alle ore 18,30 presso la Chiesa di San Marco

- concerto di Pasqua

– lunedì Santo 5 aprile alle ore 20,30 presso la Chiesa di San Marco recital di poesie e preghiere dialettali

– mercoledì Santo 7 aprile alle ore 16,00 presso la Chiesa di San Marco.

vai al sito web

Sei il lettore numero 15199 di questa news o articolo


[ leggi i commenti a questa news (1) | commenta questa news ]
IL NOSTRO SPONSOR

Categorie - Categories
 · Affiliati a LaSicilia.com
 · Agriturismo
 · Associazioni
 · Arte e Cultura
 · Aziende
 · Bed and Breakfast
 · Camping
 · Cinema
 · Città e località
 · Eventi e Appuntamenti
 · Fotografie
 · Gastronomia e Prodotti Tipici
 · Genealogia
 · Governo ed Enti Pubblici
 · Home Pages e Blog
 · Hotels
 · Immobiliari e Affitti
 · Internet
 · Libri e Video
 · Musica
 · Musei
 · News ed Articoli
 · Prodotti Tipici Siciliani
 · Ristoranti e Trattorie
 · Scuola e Università
 · Siciliani e Siciliane
 · Terme e Centri Benessere
 · Sport
 · Viaggi e Turismo
 · TV e Stampa
 · Villaggi Turistici
 · Miscellanea

[ Aggiungi il tuo sito, Segnala la tua struttura, Segnala un Evento, Suggerisci una News ]

Note legali, Cookie Policy e Privacy

© 1995-2006 Sicily Network - Realizzazione: Studio Scivoletto - 01194800882
LaSicilia.com® è un marchio registrato

CERCA su Google

Limitazione di responsabilità - Con riferimento ai documenti disponibili su questo servizio, nè Studio Scivoletto, nè i suoi dipendenti forniscono alcuna garanzia, implicita o esplicita, nè si assumono alcuna responsabilità legale riguardante l'accuratezza, la completezza o l'utilità di tali informazioni. Studio Scivoletto declina ogni responsabilità per tali contenuti o per il loro uso.